Archivio Ottobre 2012

Giunge in Redazione questo Comunicato in merito alla segnalazione del Cons. Persia al Prefetto di Teramo sui “debiti fuori bilancio”. Viene chiesta chiarezza al Sig. Sindaco. Finalmente trasparenza.

COMUNICATO
Con nota prot. n. 25091/Area II datata 08.10.2012 ( e da me ricevuta – per conoscenza questa mattina ( 29.10.2012 ) – il Prefetto ha chiesto al Sindaco quanto di seguito si passa a trascrivere: ” Con riferimento alla nota del Consigliere Comunale Gersan Persia ( avente per oggetto: segnalazione in ordine al mancato riconoscimento di debiti fuori bilancio anno 2012 del Comune di Montorio al Vomano ), in data 1 settembre 2012 ( rectius: 1 ottobre 2012 ) … , si prega di voler fornire cortesi notizie in merito “.
 

Comments 24 Commenti »

Il dott.Valleriani ci ha inviato un articolo tratto dal quotidiano “Il Resto del Carlino” dello scorso 4 luglio relativo ad una presunta cattiva gestione di un canile, sito in Porto Sant’Elpidio nelle Marche, da parte dall’ANTA (Associazione Nazionale Tutela Animali).  Dovremmo ora chiederci: “Come viene gestito il problema randagismo dal nostro Comune?”. A voi i commenti.

Comments 50 Commenti »

Pubblichiamo documento dell’Avv. Gersan Persia, sicuramente frutto della mancata trasparenza e collaborazione dell’Amministrazione nei confronti dello stesso Consigliere d’opposizione.

 

PROCURA DELLA REPUBBLICA
 
Egr. Sig.
Sindaco
Residenza Municipale
MONTORIO AL VOMANO ( TE )
OGGETTO: Richiesta di dati e di documenti – Diffida
In data 19.05.2012, Le ho richiesto di fornirmi i dati afferenti, in particolare, alla rendicontazione di tutte le somme dal Comune ricevute dalle competenti Autorità per far fronte all’emergenza post sisma e per salvaguardare gli equilibri di bilancio.
In data 25.06.2012, Le ho postulato la consegna di una serie di atti riguardanti gli esercizi bar e l’applicazione della Cosap.
In data 03.09.2012, Le ho inoltrato un’istanza volta ad ottenere informazioni intorno a vicende e procedimenti di interesse pubblicistico ( piani di ricostruzione, autodromo, polo scolastico, bonifica dei siti di amianto, oneri per consulenza e patrocinio legali, deterioramento della pista di atletica dell’impianto sportivo ubicato in Via Piane ).
Infine, in data 02.10.2012, Le ho chiesto di rilasciarmi una copia degli atti ( pubblicati sul blog “ Rialzati Montorio ” il 29.09.2012 e mai sottoposti all’attenzione del Consiglio Comunale ) concernenti i rilievi mossi dalla Corte dei Conti alla Amministrazione da Lei stesso diretta con riferimento ( per quanto emerge dal documento “ postato ” sul predetto blog ) al rendiconto della gestione 2010 e al bilancio di previsione 2011.
Ad oggi, le su evocate richieste non sono state ancora esaudite.
In merito, mi permetto di ribadirLe che:
a ) “ il diritto all’informazione del Consigliere Comunale – oltre a poter in astratto indirizzarsi verso qualunque documento o atto, pubblico o privato, detenuto dall’Amministrazione – può anche concretarsi nella mera richiesta di informazioni non contenute in documenti e, fermo restando i limiti della proporzionalità e della ragionevolezza, può anche consistere nella pretesa che gli uffici interpellati eseguano delle elaborazioni dei dati e delle informazioni in loro possesso ” ( Consiglio di Stato, V Sezione, sentenza n. 4471 del 02.09.2005 );
b ) la Sua condotta omissiva è violativa dell’art. 43, 2 c., del Codice degli Enti Locali ( T.U. n. 267/2000 ), nonché delle corrispondenti disposizioni statutarie e regolamentari e, inoltre, integra la fattispecie delittuosa prevista e punita dall’art. 328 del codice penale ( “ Rifiuto di atti di ufficio. Omissione ” ).
Al lume di quanto sopra, formalmente ( ed in via ultimativa ) La diffido a fornirmi – entro e non oltre giorni sette a far tempo da oggi – gli atti e i documenti aventi per oggetto le informazioni su specificate, con espresso avvertimento che, spirato inutilmente il precitato termine, presenterò ( non avendo io intenzione di avvalermi dello strumento di tutela – peraltro, a mio modo di vedere, non applicabile al presente caso di specie – contemplato dall’art. 25 della legge n. 241/1990 ) un dettagliato esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo.
Montorio al Vomano, lì 13.10.2012
Con Osservanza
Avv. Gersan Persia – Consigliere Comunale

Comments 13 Commenti »

Politica del fare, ovvero l’ennesima opportunità per le future Imprese del nostro territorio. Per ulteriori informazioni cliccare sulla sezione “link utili – Regione Abruzzo”. Oggi alle ore 18.00 presentazione del Bando presso la Sala Polifunzionale della Provincia di Teramo.

LAVORO: GATTI, 8,5 MLN PER IL PROGETTO FARE IMPRESA 2
PUBBLICATO IL BANDO; DOMANDE DA PRESENTARE ENTRO 30/11 (REGFLASH) Pescara, 4 ott. – Ammonta a poco più di 8,5 milioni di euro la dotazione finanziaria del progetto “Fare impresa 2″, che l’assessore al Lavoro, Paolo Gatti, ha presentato oggi in coincidenza della pubblicazione del bando sul Bollettino ufficiale telematico della Regione. “Fare impresa 2″, del Piano operativo del Fondo sociale europeo, rappresenta la prosecuzione di “Fare impresa 1″ che, come ha precisato Paolo Gatti, “tanto successo ha ottenuto tra i giovani e ha permesso a 153 imprenditori di raccogliere la sfida culturale che abbiamo lanciato. Ora con Fare impresa 2 vogliamo proseguire questa sfida, mettendo a disposizione di chi vuole investire sul proprio talento 8,5 milioni di euro”. Rispetto al primo progetto, Fare impresa 2 presenta due importanti novità. “La prima – ha spiegato l’assessore al Lavoro – riguarda l’innalzamento fino al 75% del contributo a fondo perduto (il precedente progetto ne prevedeva il 50%) pari ad un massimale di 80 mila euro per la nascita di nuove imprese; la seconda novità è rappresentata dalla semplificazione amministrativa della procedura per l’ammissione a finanziamento in modo da rendere il progetto più snello”. A questi elementi si aggiunge anche l’importante novità sostanziale della formazione ex post: “Dopo l’approvazione del progetto – aggiunge l’Assessore – daremo un supporto formativo ai neo imprenditori aggiudicatari per acquisire strumenti operativi indispensabili per affrontare al meglio questa sfida. Elementi, questi, che ci fanno ritenere che anche questa seconda edizione di Fare impresa avrà successo, anche perché ci sono molti abruzzesi che in questo momento così difficile stanno dimostrando coraggio e tenacia, gli stessi elementi che ci stiamo mettendo noi come decisori pubblici. Solo così – ha concluso Gatti – è possibile venir fuori da questo momento così duro”. Nel dettaglio, il bando prevede che il contributo sia finalizzato all’acquisto di beni nuovi, sia materiali che immateriali. L’investimento può essere effettuato mediante l’acquisto in proprietà e/o l’acquisizione in leasing dei beni. Possono beneficiare delle agevolazioni le PMI di nuova costituzione, che al momento della presentazione della domanda di finanziamento non abbiano ancora conseguito ricavi né effettuato investimenti strutturate in forma individuale, societaria o cooperativistica, aventi sede operativa o domicilio fiscale nel territorio abruzzese. Non possono beneficiare delle agevolazioni società o cooperative della cui compagine facciano parte: persone giuridiche, persone fisiche che abbiano già fruito nei due anni precedenti la domanda, di finanziamenti pubblici direttamente finalizzati alla costituzione, all’avvio o all’ulteriore implementazione di attività imprenditoriali, persone fisiche già titolari di impresa, della quale la nuova attività costituisca integrazione verticale. Le istanze dovranno pervenire entro il 30 novembre alla Regione Abruzzo.

Comments 18 Commenti »

Già un anno fa emersero, in sede di approvazione di Bilancio diverse problematiche. Quest’anno, puntualmente, le stesse si sono ripresentate ancor più pesanti dell’anno precedente. La Giunta dovrebbe far chiarezza vista anche la dichiarazione pubblicata da un anonimo su questo blog che riporta alcuni passi di una recente Deliberazione della Corte dei Conti. Il Cons. Persia ha immediatamente chiesto delucidazioni al Sig. Sindaco con il documento di seguito riportato. Si possono accedere ad ulteriori informazioni sul seguente link: http://www.iduepunti.it/lettera-aperta/30_settembre_2012/montorio-principio-di-legalita%E2%80%99-politica-equita%E2%80%99

 

 
Egr. Sig.
Sindaco
Sede Municipale
MONTORIO AL VOMANO ( TE )
Oggetto: Richiesta documenti
 
Il 29.09.2012, sul blog “ RIALZATI MONTORIO “ è stato pubblicato il messaggio che allego: nello stesso si fa riferimento ad una nota della Corte dei Conti datata 02.05.2012 e ad una successiva “ deliberazione “ della stessa Corte, con la quale sarebbero stati mossi dei rilievi all’Ente relativamente al rendiconto della gestione 2010 e al bilancio di previsione 2011.
Ciò premesso, Le chiedo, preliminarmente di espormi le ragioni in forza delle quali ha ritenuto di non portare a conoscenza del Consiglio Comunale la suddetta documentazione.
Ad ogni buon conto – e a prescindere dal quesito avanti formulato e dalla sua pertinenza ( esso, invero, viene posto senza avere contezza della natura degli atti in considerazione ) – La invito a farmi avere, con cortese sollecitudine, copia dei summentovati documenti.
Montorio al Vomano, lì 02.10.2012
Con Osservanza
Avv. Gersan Persia – Consigliere Comunale
 
 
Testo del Messaggio
1. Ex-montoriese
29 Settembre 2012 at 20:41
Non sò se si è parlato di una ultima deliberazione della Corte dei Conti. Vi anticipo alcuni passaggi: ” ….sul rendiconto della gestione 2010 e sul bilancio di previsione 2011… vista la richiesta di chiarimenti trasmessa in data 02/05/2012…..l’organo di revisione non ha dato alcun seguito”. Inoltre, “approvazione del rendiconto 2010 approvato oltre il termine fissato per la relativa presentazione”. Ancora “ANTICIPAZIONE DI TESORERIA E DI CASSA: “risultano utilizzati al 31.12.2010 fondi aventi specifica destinazione (terremoto? ndr) per impieghi di parte corrente”. (criticità già rilevata in precedenza ndr) RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI: “ha evidenziato un importo dei residui passivi titolo II superiore a quello dei residui attivi titoli IV e V per una differenza complessivamente pari a € 2.370.410,85?. INDEBITAMENTO:” l’indebitamento al 31.12.2010 non trova coincidenza con il totale dei debiti di finanziamento indicato nel conto del patrimonio”. TEMPESTIVITA’ dei PAGAMENTI: “L’organo di revisione dichiara che ….non risulta ancora ultimato però in fase di elaborazione da parte dell’ente..”. DEBITI FUORI BILANCIO: “..l’inesistenza dei debiti fuori bilancio al 31.12.2010 non risulta dal rilascio delle relative attestazioni da parte dei responsabili di servizio.” EQUILIBRI DI BILANCIO: “..il saldo di parte corrente allargata è negativo”(criticità già rilevata in precedenza ndr) PER QUESTI ed altri MOTIVI “la Corte dispone che il Sindaco adotti provvedimenti conseguenti (misure correttive ndr) in merito alle singole osservazioni entro sei mesi…..”
Per i più curiosi. Il comune non ottempera a sentenze passate in giudicato. Si sta opponendo ai conseguenti pignoramenti. Non ci sono debiti fuori bilancio?!

 

Comments 9 Commenti »