Archivio Luglio 2013

E’ stato illustrato e approvato (per la fase preliminare) il Piano di Zonizzazione Acustica di Montorio al Vomano. Finalmente uno strumento urbanistico nelle mani del cittadino, che però non sa nulla di quanto accade perchè in ferie o rinchiuso in casa per caldo africano. Le decisioni “pesanti” vanno sempre prese dal 25 luglio al 25 agosto: è più comodo. Comunque il nostro Comune ha “brillato” ancora una volta per la tempistica relativa alla redazione e attuazione del suddetto Piano: bisogna sapere che l’obbligo, da parte dei Comuni, di redigere la classificazione acustica del proprio territorio era stata prevista sin dal d.P.C.M. 1° marzo 1991 recante “Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell’ambiente esterno”, onere al quale non è seguito un esteso consenso, sia perché il citato decreto era privo di adeguate linee guida comuni, sia perché non v’era previsto alcun provvedimento coercitivo per quelle Amministrazioni inadempienti. Infatti, sulla scorta di tale esperienza, la legge n. 447/95 recante “Legge quadro sull’inquinamento acustico” ha introdotto due importanti novità.
La prima riguarda l’obbligo da parte delle Regioni di predisporre delle linee guida, ossia dei criteri in base ai quali i Comuni procedono alla classificazione del proprio territorio nelle zone previste dalle vigenti disposizioni per l’applicazione dei valori di qualità (art. 4, comma 1, lettera a).  La seconda, sempre in capo alle Regioni, è quella di stabilire i poteri sostitutivi in caso di inerzia dei Comuni o degli Enti competenti, stabilendo altresì le modalità, le scadenze, le sanzioni, nonché l’obbligo di procedere alla classificazione acustica per i Comuni che adottano nuovi strumenti urbanistici generali o particolareggiati.

Cosa molto interessante è questa: La zona di SAN MAURO (oggi zona interamente agricola) è stata classificata come “zona mista” e quindi parte di questo territorio risulta assimilato (a livello di rumorosità ammissibile) come una zona industriale! Bene, noi ricordiamo che il Piano di Zonizzazione Acustica non può prescindere dal P.R.G. (San Mauro è ancora zona agricola o sbagliamo?) e che quindi  l’ennesimo autogol (quantomeno di carattere tecnico – formale) è stato portato a segno dall’Amministrazione. LA CITTADINANZA HA 60 GIORNI DI TEMPO PER PRESENTARE OSSERVAZIONI SUL SUDDETTO PIANO. L’Amministrazione, in un attimo, cercherà di accontentare qua e là (ma non i sanmauresi…).

Comments 30 Commenti »

Un pò di soldi ci sono (e fino al 31/12/2013) da spendere su progetti in corso di definizione da parte di un Ufficio Sisma che è stato “smantellato” di recente. Le pratiche quindi sono ferme, il Piano di Ricostruzione per il Centro Storico non c’è (evidente il fallimento dell’ennesima Commissione che non ha portato a nulla se non  ad un allungamento dell’agonia del nostro Centro storico), i soldi ci sono ( e, al momento, non si possono spendere), e “chi di dovere” latita. I motivi? Li conosciamo tutti. Inutile parlarne in questa sede. Vorremo, però, ancora una volta chiarezza sulla questione dal nostro Sindaco. Ma ciò non sarà concesso nè a noi, nè ai cittadini.

Comments 31 Commenti »

FSE: GATTI,2 MLN PER ACCELERATORE START-UP PER APPLICAZIONI MOBILE

(REGFLASH) Pescara, 28 giu. “Sogno una piccola Silicon Valley in Abruzzo dove i nostri migliori giovani abbiamo la possibilità di realizzare la loro visione di innovazione. L’idea è quella non solo di incentivare con un finanziamento a fondo perduto 45 giovani innovatori, ma metterli nelle condizioni di potersi contaminare tra di loro in un luogo fisico a loro dedicato e vivere una speranza di crescita a contatto con chi può loro dare visione, metodi di lavoro e conoscenze specifiche. Un vero acceleratore di creatività nel campo più dinamico del mercato: quello delle applicazioni per tablet e smartphone”. Questo il commento dell’assessore al Lavoro, Paolo Gatti, alla pubblicazione dell’avviso del progetto Speciale Multiasse “App Abruzzo” finanziato con circa 2 milioni di euro del Piano Operativo 2012/13 del Fondo Sociale Europeo, con il quale si intende avviare un’azione sperimentale nel campo delle apps per tablet e smartphone finalizzata a favorire la crescita delle competenze professionali di 45 potenziali neoimprenditori, attraverso un acceleratore di imprese. In particolare, sarà selezionato un sovventore globale per la promozione e la realizzazione di attività di alta formazione specialistica e di consulenza e orientamento per lo sviluppo delle start-up e saranno destinati incentivi a fondo perduto ai 45 beneficiari. Le proposte dovranno essere inviate entro il 9 settembre prossimo. (REGFLASH) US13/06/28

Comments 26 Commenti »